post

Minne di vergine

Le minni di virgini, in italiano “seni di vergine”, sono dolci al forno a forma di mammela con all’apice una protuberanza più scura a forma di capezzolo. Ripiene di una ricca crema di ricotta con gocce di cioccolato, le minni di virgini sono tipiche della pasticceria di Sicilia.

*allergeni

 

post

Cannolo siciliano

Simbolo dell’arte dolciaria isolana, il cannolo siciliano è una delle specialità della pasticceria siciliana più apprezzate. Cialda ripiena di crema di ricotta, con gocce di cioccolato e scorza d’arancia candita.

*allergeni

post

Sarde a beccafico

Tipico piatto della cucina siciliana, servito come antipasto o come secondo piatto. Ricetta di umili origini, nata come imitazione di una pietanza destinata, in passato esclusivamente all’aristocrazia: i beccafichi ripieni. Uccelli, che venivano farciti con le loro stesse interiora, erano il bottino di caccia dei nobili siciliani. Questa prelibatezza riservata a pochi fu riprodotta con ingredienti poveri e facilmente accessibili: le sarde sostituirono i volatili, mentre la mollica di pane ed i pinoli presero il posto delle interiora degli uccelli.

Sarde arrotolate su un ripieno a base di pangrattato, pinoli, uva sultanina, prezzemolo, alloro e cotte in forno.

*allergeni